L’Associazione Culturale “Jalari” annuncia la conclusione della nona edizione del Festival Internazionale Cinematografico “Jalari in Corto”, svoltosi dal 2 al 23 Dicembre in diverse location di Barcellona Pozzo di Gotto.

Domenica 23 Dicembre,una serata resa indimenticabile dall’esibizione del gruppo “LassatilAbballari”, la giuria del Festival  – presieduta da Mariano Pietrini e composta da Andrea Italiano, Giuseppe Messina, Santi Catanesi, Maria Tindara Santamaria, lo staff di Eprojectconsult, per la sezione Internazionale, rappresentato da Federica Sottile, Nino Pietrini,George Mitchell e Santino Trifilòha assegnato i seguenti premi con le seguenti motivazioni:

  • Miglior Corto 

“Nostos” di Alessandro D’Ambrosi

Cortometraggio che riesce a trattare il tema della guerra in maniera originale ed unica, mantenendo l’interesse dello spettatore fino all’ultimo fotogramma rendendolo partecipe del viaggio fantastico del protagonista.

  • Miglior Regia

“Io sono morta” di Francesco Picone

Corto Horror adrenalinico e ricco di suspance, caratterizzato da un’ottima combinazione di effetti speciali e trucco. La lineapermanente di tenzione ed il dubbiofinale sono gl’ingredienti principali che hanno contribuito alla riuscita di quest’opera.

  • Miglior Interprete

Anna Gigante dal corto“Linea Nigra” di Anna Gigante

Il tema trattato, duro e crudo, viene interpretato da Anna Giganti che riesce in pochi minuti afarci provare le angosce ed i tormenti di una vita difficile.

  • Miglior Fotografia

“Vodka Tonic” diIvano Fachin

L’incubo di Ivano Fachin non sarebbe stato completo senza la sua originale fotografia con la quale riesce a caratterizzare i suoi personaggi attraverso spigolosi chiaroscuri e fluidi colori sgargianti.

  • Miglior corto straniero

“La miradaperdida” di Damian Dionisio

Il tema della violenza e dell’immigrazione trasferiti dal piano reale degli adulti al mondo immaginario ed infantile attraverso un intreccio di immagini reali ed animazione.

Il festival quest’anno è riuscito a raggiungere numerosissimi spettatori grazie ad una nuova formula supportata dall’amministrazione comunale di Barcellona ed alla collaborazione con il Circolo Giuseppe Fava di Terme Vigliatore,  vedendo come location delle proiezioni bar, piazze e luoghi pubblici della città di Barcellona Pozzo di Gotto.

Il motto di questa edizione è stato “il cinema invade la città”, per questo motivo nella giornata del 23 Dicembre, l’area di Piazza Alfano- ex Piazza Trento-è stata invasa da centinaia di QR CODE che, se decodificati,consentivano ai “lettori” di leggere frasi storiche di film celebri, dalla “Dolce Vita” di Fellini al “Padrino” di Coppola. Un modo ideale di coniugare tecnologia, giovani e cultura suggerito da Eprojectconsult.

A  chiudere il Festival un intervento del Sindaco Maria Teresa Collica che ha esortato i giovani a prendere possesso dela città e delle sue attività culturali.